prima che l’afa…

Stamattina, sveglia alle 5.30;
Canottiera, pantaloncini. La temperatura accettabile. C'è anche un po' di vento che spazza l'umidità.
Due chilometri in scioltezza.
Corro per le strade del paese. È incredibile con questo chiarore livido pare una città morta. Ogni tanto incrocio un'auto. Non c'è davvero una grande differenza con la montagna. Cemento a parte.
Ti senti il padrone di questo futuro da dopobomba. E corri. Pare un sogno, o un incubo.
Le poche persone, in effetti, ti guardano torvo. Un pazzo, penseranno.
Ora intervallo alternando 30 secondi esplosivi e massimali al altri 30 di recupero. Venti volte.
Vado via bene. Oltre al bip/bip-bip del crono sento solo il mio fiato e il mio sudore. E il battito del cuore nelle orecchie.
Correre alla mattina è fantastico, ma occore vivere come in monastero o nel pollaio. a voi la scelta!

Annunci

2 pensieri su “prima che l’afa…

  1. Hai detto bene, correre al mattino è proprio bello, direi fantastico e rigenerante nella mente più che nel corpo. Ma purtroppo noi comuni mortali possiamo concederci questo lusso solo di tanto in tanto …

  2. Mi associo, correre al mattino è bellissimo anche se da mesi non lo faccio più ormai, mi sono un pò impigrito; però mi son fatto di corsa tutto l’inverno al buio o quasi… luce frontale e via tra gli spazi verdi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...