il podista logorroico e ROMPICOGLIONI

una delle cose più tristi della corsa, se non l’unica (ma basta e avanza) è trovarti a correre (nel mio caso i tratti comuni sono sempre brevi) con il podista logorroico.
costui probabilmente non è cattivo, forse anche sincero, ma siccome ne sa una più di tutto/i raggiunge presto il culmine dell’altrui sopportazione.
oggi nel bel mezzo dell’elastico (30″ veloci + 30″ lenti in ripetizione continua), supero ad intermittenza un attempato podista, subito catalogato. alla terza, o quarta, frazione lenta mi ri-raggiunge. e vai che attacca bottone (chissà l’effetto sul gentil sesso :P), ora mi chiederà che razza d’allenamento sia, infatti… dalla risposta parte per la tangente costringendomi alla sosta. a rispondergli i tempi sulle distanze, che ovviamente lui batte. “… e che strana differenza tra i tuoi personali su quella corsa rispetto a quell’altra…”, bla, bla, bla…
mezz’ora di pressione – alta -, con accenni miei a ripartire, sguardi all’orologio, tentativi di premere lo start sonoro, “…e sai quest’allenamento me lo ha spiegato Bordin, sai chi è vero? abbiamo corso assieme e…” e scommetto che è scappato dopo cento metri.
sono un po’ alterato stasera. sentite questa e ditemi se non lo sareste pure voi:
“ah, guarda, forse non sei portato per le ultra, dio, così magro…” te lo dico io: dio, se esistesse, avrebbe già fatto alcuni favori all’umanità, tipo cancellare dalla terra il podista rompicoglioni, il nemico di ogni corsa in compagnia, il nemico.
“guardi adesso devo proprio andare…, arrivederci (MAI PIU’)!”

Powered by ScribeFire.

Annunci

5 pensieri su “il podista logorroico e ROMPICOGLIONI

  1. siccome sto tipo non è la prima volta che lo vedo, e sempre nella stessa zona, stasera, e per un po’, me ne vado da tutt’altra parte…
    ma più spaccamarroni di così :|

  2. Divertente questo post ! Mi hai ricordato il tipo che ho incontrato durante la mezza di Camignone che si spacciava per amico di Baldini ( ! ) e mi dava consigli non richiesti.

  3. Ah ah! A me è capitata una sola volta una situazione del genere.

    Era una sera di novembre e mi stavo allenando per conto mio (come al solito), quando ad un certo punto sorpasso un signore di mezza età, che comincia ad attaccare bottone.

    Ho passato un’ora a corricchiare in sua compagnia, mentre mi raccontava le disavventure calcistiche del figlio, facendo continui riferimenti ad atleti ed allenatori di campionati rionali, di cui io non avevo la minima conoscenza.

    Dopo la corsa mi confessa di essersi sfogato e di stare meglio. Bene. Il giorno dopo io ero a letto con l’influenza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...