754

Ma cosa c’è nelle vostre vite di veramente intimo, privato o, addirittura, segreto? L’attività social-tele-mediatica vi convince che celandosi dietro il nick chiunque possa finalmente liberarsi di barriere pseudo-morali?
Ma poi, che cosa è veramente segreto nelle nostre vite? Ah, già le solite cose: gusti e preferenze sessuali, qualche concessione all’illegalità e poco altro. Cose che difficilmente spiegherei, non dico al vicino, ma forse, persino ad alcuni amici.
E da alcuni anni anche le mie idee politiche potrebbero fare parte di una seconda, e nascosta, vita, talmente lontane e incredibili, e viste, lo so per certo, con sospetto, per il tessuto sociale in cui sono avviluppato.
Credo che la Rete abbia anche questo pregio. Il pregio di dare sfogo ai nostri desideri, alle nostre inconfessate passioni e forse liberarci anche da quella rabbia che la loro repressione razionalista avrebbe (in potenza? ok, mettiamola così) generato.
E questo riguarda sia uno scrittore di racconti hard sia il curatore del sito dei marxisti rivoluzionari di quartiere, sia il blogger solipsista (eccomi)
Però la domanda mi arrovella. perché abbiamo così paura di essere noi stessi?

Annunci

4 pensieri su “754

  1. Forse abbiamo paura di affrontare le conseguenze che ciò comporterebbe. Abbiamo paura dei giudizi altrui, di perdere il nostro posto nella società nella quale viviamo, il riconoscimento (non dico la stima) anche quando viene da persone delle quali poco ci importa ma che fanno parte della nostra vita. Pensiamo che sacrificare una parte di noi stessi sia necessario alla sopravvivenza. E nei momenti di disgusto ci consoliamo ripetendoci che noi non siamo come la massa, noi siamo diversi. Ci omologhiamo per convenienza.

  2. Tramonta il sole

    Perdonami.Non accadrà di nuovo.
    Ora vorrei
    meditare,raccogliermi,dimenticare:essere foglia d’oblio e solitudine…..
    Parlo con l’umiltà ,
    con la disillusione,la gratitudine
    di chi visse dell’elemosina della vita.
    L’elemosina fu bella- esseri,sogni,successi,amore –
    dono gratuito,perchè nulla meritai……
    Alla fin fine,nessuno sa
    che cosa è piccolo e che cosa enorme;
    grande si può chiamare una ciliegia..
    piccolo può essere un monte,l’universo e l’amore…
    Mi è sfuggito qualcosa…
    Qualcosa che era importante
    perchè apparteneva alla mia vita:era la mia vita…..

    1. Essere se stessi.

      Come dall’alto di un monte si guarda a valle il sentiero appena battuto,così mi capita di riguardare il tratto di alcuni pensieri messi su carta lungo questo mio percorso di vita.
      Tra i tanti ho ritrovato questa riflessione ed ahimè, le lancette dell’orologio che sto riportando indietro misurano anni e lustri.

      “Quando si è alla ricerca di se stessi (in reltà/forse), non si sta cercando quello che si è in potenza, ma quello che si vorrebbe essere. Questo bisogno di ricerca nasce dall’insoddisfazione nel vedere se stessi,anche solo di percepirsi in una realtà che si discosta da un ideale, figlio di una nuova sensibiltà.
      Inizia così un percorso destabilizzante, apparentemente teso a renderci visibili a noi stessi ma che in realtà è proteso verso uno sforzo non di cognizione ma di costruzione.
      E’ un cammino difficile,che fa vibrare le corde dell’essere e lo spinge ad una metamorfosi, alla nascita di un uomo nuovo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...