1088

Cosa si aspettasse, non riusciva a formularlo, per quanto provasse a pensarci. Raccogliere i frammenti di questa esperienza e tentare di ricomporre qualcosa.
Salì in auto, infilò le chiavi. Niente accensione. Il vetro sporco, quel sedile freddo e vuoto.
Rabbrividì pensando. Alle parole attese e mai sentite. Ai suoi sguardi profondi come il cielo di aprile che stavano già sparendo nell’abisso della memoria.
Pianse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...