1121

Giornata lavorativa faticosa. Eppure non ho sonno. E corse per mille di cose da fare. E mai un attimo fermo. E il tempo fuori che passava dal monsonico al sereno. Insomma dovrei essere al tappeto, invece ancora a quest’ora mi appendo alla tastiera a scrivere minchiate. Boh. Forse ho dormito troppo nel fine settimana (anche se sabato ho riassaporato cosa vuol dire correre per i monti e sentirsi i muscoli indiavolati per tutto il giorno). Non so.
Aprire una birra (una delle mie preferite), dare la buonanotte, sentire le voci degli altri, i pensieri di tanti e la vita che prende a calci il tempo. E sentirsi ancora con una voglia come non accadeva da tempo.
Disegnare, correre, fumare, ascoltare musica e pensare che ogni cosa succede, anche senza motivo, ma occasioni per guardare avanti non mancheranno mai. No.
Mi piace pensare che la fortuna non esista e che ognuno di noi debba ritagliarsi spazi e vita, ma forse è proprio questa la fortuna.

listening to Andrew Bird, Hole in the Ocean Floor

Annunci

Un pensiero su “1121

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...