1562

Nelle scorse settimane ho approfondito un po’ gli aspetti del cammino. Forse ho tediato o anche no (ma del resto è un mio spazio, questo, e chi non condivide quello che scrivo o non ne è interessato fa alla svelta a non tornarci più).
In ogni caso, il sunto di tutti quei post è stata la riflessione che il camminare genera. Una riflessione ad ampio spettro e direttamente collegata a quello che noi stiamo facendo.

Pensateci: in quale altro modo riusciamo a riflettere a fondo e con intensità? Stando seduti su una poltrona, o sdraiati a letto. Ma queste, credo, sono non-attività. Ci si isola, ci si estrania dal proprio tessuto fisico per immergersi totalmente nei propri pensieri.

E allora perché il camminare?

Perché camminare è l’attività più elementare e automatica della nostra umanità. La posizione precaria di equilibrio generata dall’alternarsi consecutivo dei passi è un’attività talmente basilare, antica (la prima fatta dal primo homo erectus?) e semplice da non richiedere nessuno sforzo mentale. Esattamente come lo stare sdraiati, con la differenza che invece stiamo compiendo un’azione. Dello spostarsi, del raggiungere o meno un qualsiasi luogo, del lasciare un punto di partenza.

Annunci

Un pensiero su “1562

  1. Le cose ripetute giovano. Il cammino riconduce all’essenziale,al profondo, al silenzio. Due moniti mi sono arrivati da ” L’uomo di superficie ” di Vittorino Andreoli : la perdita della profondità (…Una conoscenza, quella interiore, che si percepisce nel silenzio, inteso non come vuoto ma come indicibile, e che soltanto nella contemplazione incontra il suo significato profondo. Il silenzio non è mutismo, esprime anzi l’inutilità della parola, che è diventata rumore. Il muto è colui che vorrebbe parlare e non può, l’uomo in silenzio non dice e saprebbe dire…) e la regressione spaventosa dell’uomo da homo erectus, poi sapiens, poi sapiens-sapiens a homo stupidus. Come abbiamo fatto ? Come abbiamo potuto ? Camminare è la più grande metafora del non galleggiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...